Urcionio, il fiume scomparso.

Riserva Naturale Regionale Valle dell’Arcionello, si estende dalle propagini delle mura civiche medievali fino al monte Palanzana (802 m) comprendendo la gola del fosso Urcionio che oggi scorre quasi completamente nel sottosuolo, mentre scorreva in superficie fino ai primi decenni del Novecento.

Copertura del Torrente Urcionio verso il 1935, attuale Via Marconi.

che dopo un  lungo e tortuoso percorso arriva alle porte di Viterbo, nei pressi di via Genova, per poi proseguire, del tutto invisibile, fuori porta Faul. Questo torrente  è legato alle origini e allo sviluppo di Viterbo; un tempo il suo letto divideva in due la città e i collegamenti principali che univano i colli situati lungo le  rive opposte erano quello de “La “Svolta” (così chiamata la parte che va da via Matteotti a Corso Italia) e l’antico Ponte Tremolo o Tremoli, cosiddetto per via delle vibrazioni create dai carri al loro passaggio sul fondo in legno, che si trova tuttora sotto il piano stradale di Piazza del Sacrario. Il suo ampio percorso, formato da  forre e profonde gole,  costituì nei secoli passati un elemento difensivo naturale dell’antica città posta originariamente sul colle del Duomo

Gli A12 sono un sistema sonoro che affiora dal suolo con un disco di metallo e invita il cittadino ad avvicinarsi per riascoltare il suono dell’acqua di quel fiume che una volta passava proprio di lì.

 

Pubblicato da wikituscia

Wiki Tuscia è un'enciclopedia online a contenuto libero dedicata alla Tuscia. Lanciata da Meconi Carletto il 29 Novembre 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.